24/12/10

Il 'Dittatore del Bunga Bunga'

di Michele

Berlusconi si è messo in politica per:
curare gli interessi delle aziende di famiglia e salvare il suo monopolio televisivo privato, data l’incostituzionalità della legge Mammì fatta dal suo amico Craxi che gli consentiva di mantenere le tre reti televisive;
coprirsi tramite una sorte di scudo giudiziario dai suoi problemi con la giustizia;
raccogliere l’eredità politica lasciata da Craxi;
fare da referente politico di Cosa Nostra, su richiesta di Dell’Utri.

Di nuovo Berlusconi non ha portato niente, il suo disegno politico è stato seguire la strada del suo maestro Licio Gelli, capo della P2 di cui Berlusconi era tesserato con numero di tessera 1816 e, facendo sue tante idee del piano di Rinascita Democratica, sta attentando ai principi fondanti della Costituzione come: l’autonomia e indipendenza della magistratura, la libertà di manifestazione del pensiero e di stampa, l’uguaglianza di tutti cittadini di fronte alla legge.

Allora, cosa è cambiato in 16 anni di berlusconismo?
Nell’interesse di tutti gli italiani di meglio c’è stato niente.

E gli altri che hanno governato cosa hanno fatto?
Sicuramente meglio nell’interesse generale dell’Italia.

Il debito pubblico è aumentato vertiginosamente sotto la guida di Berlusconi e Tremonti, a differenza di quando spettava agli altri risanare l’economia del Paese, come mostra la tabella seguente:


Riguardo il Prodotto Interno Lordo i numeri parlano chiaro, come mostra il seguente video:



Come se non bastasse, continuiamo a sentire da 16 anni che Berlusconi è vittima di un complotto giudiziario, eppure non c'è alcuna prova di ciò che afferma, al contrario non è uscito innocente da quasi tutti i suoi processi (Caso Mills, lodo Mondadori, tangenti alla Guardia di Finanza, Caso All Iberian, ecc.) ma solo amnistiato, prescritto o non condannato per insufficienza di prove o perchè non ritenuto diretto responsabile, oppure perchè il fatto non è più previsto dalla legge come reato (falso in bilancio per le società off-shore nel procedimento All Iberian 2), oltre alle altre leggi fatte per impedire ai suoi processi di giungere a conclusione, riducendo i termini di prescrizione o rinviandoli all'infinito.
Se Berlusconi avesse trovato davvero le “toghe rosse” a Milano, la prescrizione per concessione delle attenuanti generiche (lodo Mondadori) e le assoluzioni con formula dubitativa (caso Medusa, processo Sme) potevano essere condanne definitive per il signor Berlusconi.

22/12/10

I 'fascisti del nuovo secolo'



di Michele

Mettere a tacere il dissenso, impedire la libera espressione del pensiero, diritto sancito dalla Costituzione, è ciò che in questi giorni autorevoli esponenti del Governo e del PDL hanno mostrato in maniera palese persino con toni aggressivi, insulti e provocazioni.
Giovedì scorso ad Anno Zero, ha cominciato a provocare, con l’intenzione di censurare e scaldare gli animi, il cosiddetto Ministro della difesa, La Russa, orgoglioso di essere chiamato fascista; il sindaco di Roma Alemanno ha disposto l’estensione della cosiddetta “zona rossa”, cioè l’area inaccessibile ai manifestanti nel centro di Roma; il sottosegretario al Ministero degli Interni, Mantovano, d’accordo col ministro Maroni, ha proposto a scopo preventivo di estendere il D.A.SPO. (divieto di accedere alle manifestazioni sportive) anche alle manifestazioni di piazza; il ministro Alfano ha inviato gli ispettori al tribunale di Roma contro il provvedimento di scarcerazione di alcuni studenti fermati negli scontri del 14 dicembre, confermando l’azione piduista dell’esecutivo guidato da Berlusconi di sostituirsi alle competenze esclusive della magistratura, più volte rivendicata come legittima pur essendo una pratica da regimi sudamericani al di fuori del nostro ordinamento; infine Gasparri, capogruppo dei senatori del PDL, ha completamente delirato con la proposta di arrestare preventivamente alcuni studenti solo perché si ipotizza possano commettere reati, senza che nemmeno si siano avute notizie di reato in cui siano coinvolti, alla faccia del garantismo e libertà di cui si sciacquano la bocca certa gente nel PDL.

Insomma, stanno usando metodi da squadristi per mettere il bavaglio a qualsiasi espressione del pensiero critica nei loro confronti, gente di tale levatura culturale non è altro che estrazione della mentalità e cultura fascista: durante il regime fascista usavano olio di ricino per chiudere la bocca a chi esprimeva dissenso, oggi la strategia di quelli che definisco i ‘fascisti del nuovo secolo’ è di censurare le voci critiche attraverso la repressione, dopo aver occupato la maggior parte degli spazi informativi e tentato di occupare quelli che ancora non sono sotto il loro diretto controllo e/o proprietà di famiglia Berlusconi.
Le provocazioni di questi giorni degli esponenti di governo e del PDL vanno lette come il tentativo di imbavagliare il libero pensiero, ma c’è un altro aspetto della strategia comunicativa che hanno attuato: vogliono spostare l’attenzione dalle ragioni della protesta a questioni di ordine pubblico. Ciò perché, fin quando le proteste sono state pacifiche e senza il minimo disordine, i signori del Governo non hanno minimamente ascoltato gli studenti, se ne sono fregati di aprire un dialogo con loro, se ne sono fregati di sentire e analizzare le loro richieste; adesso che le proteste, le agitazioni e le manifestazioni stanno facendo rumore, mostrandosi agli occhi di tutti, si vuole etichettarle come azioni teppistiche di violenti e non di studenti di buona famiglia costrette anche ai sacrifici per far studiare i ragazzi.
Dunque, oltre alla censura del dissenso, l’obbiettivo dei neo fascisti al governo è quello di criminalizzare la protesta per non dare spazio alle motivazioni degli studenti, da ciò nascono le provocazioni di questi giorni che servono a surriscaldare gli animi in modo da poter reprimere la protesta con la forza.

Nel video sopra riportato Marco Travaglio ha avanzato anche un altro motivo per cui a suo parere si sta attuando la strategia della tensione. Spiega Travaglio che il Governo per durare fino alla fine della legislatura ha bisogno di un clima di tensione al fine di ottenere l’appoggio in Parlamento di altri gruppi attualmente all’opposizione, in particolare l’UDC, proprio perché quando c’è un’emergenza nazionale, nel fare alleanze del tutto disomogenee, si mettono da parte le contrapposizioni ideologiche, politiche o le individuali valutazioni opportunistiche; infatti, in quel caso l’interesse nazionale apparentemente sta sopra di ogni altra cosa, pure al di sopra delle compravendite dei singoli deputati. Però, dietro l’alibi dell’interesse nazionale si nasconde il fatto che una situazione del genere sarebbe grande fonte di guadagno per l’acquirente nella campagna acquisti in Parlamento, soprattutto in termini di minimo esborso; a guadagnare di meno saranno quelli che non hanno ceduto alle offerte in vista del voto di fiducia del 14 dicembre ma che, secondo Berlusconi, sarebbero disposti comunque a venire in suo soccorso… si sa che tutto ha un prezzo, a parte i nobili sentimenti, l’etica e la dignità umana che non contano e perciò non hanno alcun valore per i berlusconiani.

14/12/10

Verso le elezioni in primavera



Per 3 voti la sfiducia al governo Berlusconi è stata respinta alla Camera.
314 No alla sfiducia contro 311 SI, 2 astenuti, 2 non hanno partecipato al voto.

Contro la sfiducia e quindi a favore della maggioranza hanno votato:
i 235 deputati del Pdl,
i 59 della Lega,
11 di Noi Sud (non ha votato Antonio Gaglione);
Francesco Nucara,
Francesco Pionati,
Maurizio Grassano,
Gianpiero Catone,
Maria Grazia Siliquini,
Catia Polidori,
Domenico Scilipoti,
Bruno Cesario e
Massimo Calearo.

A favore della sfiducia si sono espressi:
i 206 deputati del Pd;
i 22 dell’Idv;
i 35 dell’Udc;
31 di Fli;
i 6 di Api;
i 2 Liberaldemocratici;
i 5 Mpa e
Giorgio La Malfa,
Giuseppe Giulietti,
il rappresentante della Valle d’Aosta Rolando Nicco e
Paolo Guzzanti.

Astenuti i due esponenti della Svp.
Come prassi non ha votato il presidente della Camera Gianfranco Fini.

Catone, Siliquini e Polidori sono i 3 voti in più per Berlusconi arrivati dal gruppo FLI dei finiani, mentre non ha votato Moffa che è l'altro voto in meno alla sfiducia giunto dal gruppo FLI.

Oltre ai 3 finiani appena citati, la campagna acquisti pro Berlusconi degli ultimi giorni ha portato dalla sua parte i voti dei deputati:
Razzi (ex Idv passato al gruppo Noi Sud),
Scilipoti (ex Idv passato al gruppo misto),
Calearo (ex PD, poi Api, passato al gruppo misto),
Cesario (ex PD, poi Api, passato al gruppo misto).
Grassano (gruppo dei Liberaldemocratici di Daniela Melchiorre).

Adesso il governo è nelle mani di chi si è venduto, non c'è una maggioranza politica, gli unici che godono della situazione sono i leghisti, e peggio di così non poteva andare per il paese e la democrazia.

09/12/10

Il governo del manganello colpisce di nuovo gli inermi



Un'aggressione gratuita della polizia, del tutto immotivata che si è conclusa con il fermo violento e l'arresto di due ragazzi colpevoli "di niente", se non di prender parte a un'iniziativa ciclistica e ambientalista che si chiama critical mass.
E' quello che è successo a Napoli ai margini delle rituali celebrazioni dell' 8 dicembre in piazza del Gesù, una piazza completamente e incomprensibilmente blindata. Un gruppo di studenti universitari è riuscito ad entrare in piazza e ad aprire lo striscione "Obelisco Precario" per ironizzare sulle precarie condizioni dell'obelisco del Gesù in analogia con le proprie prospettive di vita. Qualcuno non deve aver digerito questo blitz assolutamente pacifico!
Quando gli studenti sono usciti tranquillamente dalla piazza i cordoni di polizia e carabinieri li hanno seguiti, trovando su Calata Trinità Maggiore un gruppo di ciclisti della critical Mass che si apprestavano a partire per un giro in bicicletta nel centro storico di Napoli, per mettere in scena il "presepe morente". Alcuni dei ciclisti infatti erano in maschera per mostrare il declino della città.
A quel punto i carabinieri e la polizia hanno aggredito e fermato senza motivo due dei partecipanti, Alfonso che di mestiere fa l'animatore e Ana una studentessa brasiliana, semplicemente perchè erano, inermi, sulla loro strada.
Sono poi seguite una serie di cariche mentre gli studenti si raggruppavano e protestavano per i fermi, provenendo dall'Università dove c'era un incontro con Luigi Lo Cascio sul tema dell'attacco alla cultura e del film i "Cento Passi". A quel punto un corteo arrabbiato, improvvisato e sconcertato ha percorso le strade del centro, bloccando le strade, per arrivare sotto la Questura in via Medina, dove si è unito in presidio agli altri studenti che erano in piazza e ai movimenti dei disoccupati, che erano in presidio a piazzetta Monteoliveto e che hanno solidarizzato coi giovani fermati. C'era in particolare preoccupazione per la ragazza, che è stata sbattuta in terra nel fermo, mentre le veniva distrutta la bicicletta! Subito dopo la notizia ancora più incredibile che i fermi si erano tradotti in arresto!!

Questo video illustra con chiarezza quello che è successo! La polizia li aggredisce mentre sono del tutto fermi e innocui e, senza che abbiano fatto assolutamente niente, una ragazza è fermata, poi portata via e stesa violentemente in terra. Ana nel video è la ragazza che compare subito in primo piano con i pantaloni viola e una maschera di bisonte sul manubrio della bicicletta. Viene varie volte spintonata dai carabinieri e poi fermata e trascinata via dal dirigente (unico col casco celeste... il fermo avviene nel punto più lontano dalla ripresa, si vede Ana portata via verso piazza del Gesu' e dopo si intravede una gamba mentre è stesa in terra). Più testimoni confermano che è stata anche strattonata più volte per i capelli. Il suo fermo e quello di un altro ciclista anch'egli inerme verranno poi addirittura tramutati in arresto!!
Intanto, immediatamente dopo il fermo parte la carica contro gli studenti e la gente protesta per la vergognosa operazione!

Stamattina 9 dicembre i due ragazzi sono attesi dal processo per direttissima e ci sarà un presidio sotto al tribunale di Napoli.
Si è verificato un errore nel gadget