02/04/10

PEDOFILIA: MONS. BERTONE SAPEVA MA HA TACIUTO ecco le prove

Questi gli incartamenti ufficiali intercorsi tra Monsignor Bertone e il rev. Weakland in merito ai casi (numerosi) di pedofilia perpetrati del reverendo Murphy a danno di bimbi non udenti.
Da questi documenti datati 1998 si evince, senza ombra di dubbio, che la Curia era a conoscenza di atti di libidine di cui il prete si macchiò nel 1974, delitti che la Chiesa ritenne giusto sottacere limitandosi a trasferire il maniaco (perché chi abusa di un bambino non si può chiamare in altra maniera qualsiasi sia l'abito che indossa) presso un altra diocesi.
Ancora in questa occasione non viene assolutamente proposto di denunciare l'accaduto alle autorità giudiziali ma si propone di dare al prete un “salutare ammonimento” (parole testuali) intimando al reverendo di celebrare l'Eucaristia solo nella nuova diocesi di appartenenza. Vengono elencati i motivi per cui si ritiene non idoneo istituire neppure un processo canonico e cioè la difficoltà di provare il delitto e la poca attendibilità di una dichiarazione da parte di un sordomuto. Si definisce il pedofilo in abito talare un “bambino difficile” e ci si limita a prendere un impegno per strappargli un qualche tipo di pentimento.

La lettera si conclude con un terrificante “sarà difficile far comprendere alla comunità di sordomuti la lieve entità di questi provvedimenti



Il documento completo pubblicato dal New York Times



.

2 commenti:

  1. Susanna stai attenta perché il ministro della "giustizia" potrebbe mandare un ispezione anche a te ... scherzo :-)

    che dire, sono brutti tempi questi (ampiamente previsti peraltro) .. ci troviamo in pieno regime fascista conclamato

    un saluto
    Mimmo

    RispondiElimina
  2. clericali e anticlericali portano avanti la giostra delle ipocrisie
    le uniche vittime della pedofilia sono i bambini. se lo ricordi la Chiesa invece di gridare al complotto. se lo ricordino gli anticlericali che si svegliano solo perchè nell'occhio del ciclone c'è il Vaticano.

    Lo scandalo pedofilia coinvolge anche Joseph Ratzinger? gli interessi della Chiesa e quelli delle vittime di abusi

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget