05/02/10

MORGAN: IL DIVERSO PESO DELLA MORALE

.

Che davanti alla legge i politici e la gente comune non siano considerati sullo stesso piano è un fatto ormai acclarato, quello che non è altrettanto evidente è che questa situazione è stata voluta ed accettata in primis da noi gente comune.
Gli italiani sono portati da sempre a parteggiare per il più forte, lo abbiamo fatto nel corso delle guerre mondiali cambiando le alleanze a seconda di chi sembrava il vincitore di turno, lo facciamo quotidianamente glissando su pubblici vizi e deplorevoli abitudini di premier e onorevoli ma accanendoci ostinatamente sui discutibili comportamenti degli altri … qualsiasi sia “l'altro” e il diverso del momento.
Non voglio assolutamente affermare che si dovrebbero tollerare tutte le corruzioni morali o che al contrario bisognerebbe abolirle in maniera categorica dalla faccia della terra. Ognuno di noi si senta libero di giudicare secondo i propri principi e convincimenti, l'unica cosa che si chiede per amor di onestà è di avere un uniformità dei giudizi verso chiunque, belli o brutti, ricchi o poveri, in giacca e cravatta o con le toppe sul sedere.


Morgan: nome d'arte di Marco Castoldi è un cantante ed un presentatore della televisione. Molta musica, un amore con Asia Argento e la partecipazione al festival di San Remo.
Emilio Colombo: Dal 1946 al 1992 è stato costantemente presente in qualità di deputato alla camera nell'area DC, nella sua carriera ha ricoperto la carica di presidente del consiglio dei ministri oltre che essere stato ministro lui stesso un numero considerevole di volte. E' anche stato presidente dell'ente fondatore della Università Cattolica del Sacro Cuore.


Morgan: 37 anni, in una recente intervista al quotidiano Max ha ammesso, di sua spontanea volontà, di far uso di cocaina a scopo antidepressivo.
Emilio Colombo: 89 anni, nel 2003 nell'ambito delle indagini sull'operazione “Cleopatra” interrogato dal giudice dichiara di far uso di cocaina a scopo terapeutico.


Morgan: brutto, cattivo e cocainomane, il giorno seguente alle sue dichiarazioni viene allontanato dal festival di San Remo poiché potrebbe influenzare migliaia di ragazzini adolescenti.
Emilio Colombo: lo stesso anno in cui viene coinvolto nell'indagine sulla cocaina viene nominato senatore a vita, carica che ancora ricopre.


Ma … fatemi capire … il luogo di rappresentanza per eccellenza del Paese è il festival della canzone o è il parlamento italiano?
E' più grave ammettere di aver fatto una cagata colossale (parere personale) dalle pagine di un giornale o davanti ad un giudice nell'ambito di una delicata inchiesta che vedeva spacciatori entrare ed uscire dal ministero delle finanze a qualsiasi ora del giorno e della notte?

Non so, a me questa Italia sembra sempre più soffrire di un disturbo bipolare, un bravo psicanalista, no?



3 commenti:

  1. parlamento di corrotti. c'e qualcosa che nn va nel sistema ci vorrebbe un colpo popolare.

    RispondiElimina
  2. Hai proprio ragione! sembra che i parlamentari possano permettersi tutto.

    RispondiElimina
  3. c'è tanta ipocrisia nel mondo dello spettacolo e soprattutto televisivo, forse morgan dà fastidio a qualcuno? io lo trovo molto pacifista ma in particolar modo un genio della musica.I ragazzini, come dicono,non hanno certamente preso a modello morgan bensì questa società bigotta e ipocrita!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget