16/10/09





Se Riina parla Borsellino riposerà in pace


 

Riferendosi ai servizi segreti e allo Stato Riina ha detto ''sono stanco di fare il parafulmine d'Italia''.

Dopo che ha protetto politici e servizi segreti mantenendo il più assoluto riserbo su tutto ora, forse, dopo aver passato 17 anni in carcere e sapendo di doverci passare tutto il resto della vita, Riina parla ... e lo Stato trema.

Le decapitazione di procure e la delegittimazione di giudici come è successo a Catanzaro e a Salerno; il tentativo di discreditare il lavoro di Gioachino Genchi; potrebbero essere tutti sintomi del nuovo panico che va diffondendosi nelle le istituzioni.
Anche la magistratura sta riuscendo, con un' ostinazione incredibile, a ricostruire una delle parti mancanti del puzzle.
Il processo per la strage di via D'Amelio si sta riaprendo; la procura di Caltanissetta sembra aver individuato l'agente segreto sfigurato che ha avuto una parte da protagonista in questa vicenda. Mister X aveva un ufficio a castello Utveggio e grazie a Genchi si sta dimostrando che poco dopo che la bomba assassina è detonata dal telefono di questi sono partite numerose telefonate dirette a boss mafiosi.

A distanza di 17 anni Riina magicamente ricorda … e comincia a raccontare.

Racconta quello che tutti noi avevamo sotto gli occhi ma che il troppo fumo soffiato non ci ha fatto vedere: la morte di Borsellino faceva più comodo allo Stato prima che ad altri.
Ma questo significherebbe anche un altra cosa: che il patto tra mafia e Stato non prevedeva la semplice tregua tra i due contendenti, c'è dietro un disegno molto più grande. Forse una collaborazione tra i due poteri che avrebbe portato a dare vita ad un governo coabitato.

Falcone e Borsellino furono uccisi nell'estate del 1992, Forza Italia si è costituita nel 1993.






Wikio
vota questo posting su OKNOtizie
Il Bloggatore
Add to Technorati Favorites

2 commenti:

  1. mafia e stato sono la stessa cosa, possono litigare, ma sono uniti. non hanno bisogno di papelli e pizzini..le stragi. forse non vi è passato dall'anticamera del cervello che qualcuno si voleva sbarazzare di tutti e due. stato e mafia ora si proteggono. sembrano rosa e olindo, i mostri di erba...tutto un mondo loro e guai chi entra.

    RispondiElimina
  2. rosa e olindo mi sembra un esempio perfetto! poi però ci vuole qualcuno di esterno a loro, ad esempio il popolo, che li spedisce dove si meritano di stare: a non far più danni a nessuno!

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget