14/12/09





L'ARTE ITALIANA DELL'IPOCRISIA



E' tornato Anteo Zamboni.
Anteo Zamboni aveva 15 anni quando morì il 31 ottobre del 1926. Quel giorno, tentò di sparare contro Benito Mussolini subito dopo la cerimonia di inaugurazione dello stadio littorio di Bologna, lo mancò grossolanamente. Venne linciato dagli squadristi di Arpinati, più tardi sul suo cadavere furono contate quattordici pugnalate profonde, un colpo di pistola e tracce di strangolamento.
Un mese dopo il colpo di pistola, alla riapertura delle Camere, 120 deputati dell'opposizione venivano privati del mandato parlamentare. Il Parlamento così epurato, approvava le cosiddette "Leggi per la difesa dello Stato". Veniva istituito il Tribunale Speciale e ripristinata la pena di morte per i delitti politici. Tutti i giornali non controllati dal partito nazionale fascista dovevano sospendere le pubblicazioni. Questa tragica evoluzione era già stata pianificata dal Duce che approfittò della codardia e dell'ipocrisia della gente che si fermava a condannare il gesto di disperazione di un giovane quindicenne privato dal fascismo del suo futuro libero mostrando al dittatore addirittura solidarietà, per imporre leggi già comunque decise.
Palmiro Togliatti anni dopo, ricordando la figura di Anteo Zamboni, lo definì esponente della "resistenza silenziosa".

Le analogie con ciò che è successo ieri a Milano sono sconcertanti. Invece di un bimbo di 15 anni c'è un 42enne affetto da turbe psichiche, non è partito nessun colpo di pistola ma è stato lanciato un souvenir, nei panni del duce c'è il nuovo oligarca Berlusconi, per fortuna alla barbarie degli squadristi si è sostituita solo l'istigazione di Emilio Fede che si augurava che la folla linciasse il reo (non quello sospettato di collusioni con la mafia stragista, il piduista pluri indagato … il reo in questione è l'uomo che ha lanciato un souvenir in un momento di rabbia).
E poi c'è la massa che si cela dietro il perbenismo che porta a condannare un gesto di rabbia auto assolvendosi così da anni di apatia e omertà nei confronti di chi abusa del potere.
E' la solita vecchia storia in cui si è capaci di essere forti con i deboli e remissivi con i potenti, si giustifica così la deviata teoria che la giustizia deve avere pesi differenti a seconda che sul banco degli imputati salga un signor nessuno colpevole di un gesto di rabbia che ha provocato una prognosi di 48 ore alla sua vittima con chi negli ultimi anni ha fatto scempio di qualsiasi legge e ha schiacciato chiunque si opponesse alla sua scalata al potere.
Oggi si legge sui giornali che il nuovo duce vuole introdurre le sue "Leggi per la difesa dello Stato" contando proprio sul perbenismo ipocrita e vigliacco che si è fatto spazio tra la gente e che induce ad abbassare la testa vergognandosi che un suo membro non sia riuscito a sopportare ancora.

Signori miei, quanto siete ipocrita. Massimo Tartaglia può essere accusato solo di lesa maestà in uno Stato in cui si accetta che suoi esponenti politici si esprimano con frasi come:
  • Voglio la pulizia etnica dei culattoni e voglio eliminare i bambini dei zingari (Giancarlo Gentilini, lega nord)
  • Sei povero? Colpa tua. (Silvio Berlusconi, pdl)
  • la vita dei giudici vale 200 lire, il costo di un bossolo di fucile (Umberto Bossi, lega nord)
  • la magistratura è una metastasi da asportare (Silvio Berlusconi)
ma loro sono potenti e dunque l'omuncolo tace aspettando di poter sfogare la sua rabbia su persone più deboli.





Wikio
vota questo posting su OKNOtizie
Il Bloggatore
Add to Technorati Favorites






21 commenti:

  1. Vista la pesantezza dell'ultima frase ho cercato conferme audio di quella frase ma ho trovato solo qeusta"...dei pm e dei giudici IDEOLOGICIZZATI che sono una metastasi della democrazia" da un video su youtube intitolato "La magistratura e Berlusconi. Ovvero: il cancro e il premier"...se è un'altro il video dove la sua accusa è rivolta a tutta la magistratura ti sarei grata se mi linkassi la fonte.
    Per il resto, post interessante ma soprattutto inquietante se la realtà confermerà ciò che hai scritto.Ciao.
    Emanuele

    RispondiElimina
  2. :(
    lo ha detto il 25 marzo di quest'anno in un discorso in cui difendeva l'Impregilo dagli attacchi dei "soliti magistrati" ... ma mi sembrava di infierire troppo dicendo che dopo l'affermazione di "Mangano eroe" era pure arrivato a dire "Impregilo innocente"

    RispondiElimina
  3. Ho cercato il video dove avrebbe detto quella frase ma non l'ho trovato sembra che la frase integrale indicata in più siti sia questa:"...in Italia c'è una magistratura che è una metastasi, bisogna reagire" riferendosi alla magistratura di Bologna e non a LA magistratura...ancora non ho trovato prove audio ma solo frasi sintetizzate che alimentano l'idea che ce l'abbia con tutta la giustizia senza fare distinzioni quindi costruendo con più precisione l'idea del duce mascherato...

    Ps: Non voglio giustificarlo perché non lo ammiro ma credo sia corretto indicare le frasi ufficiali e non quelle sintetizzate dai giornali.
    Emanuele

    RispondiElimina
  4. non è che se non esiste il video non esiste la frase, nel caso specifico poi penso che si riferisse alla magistratura fiorentina dato che è colei che ha condannato l'impregilo ma non ne posso essere sicura dato che la frase è iniziata con un generico "la magistratura è una metastasi" senza aggiungere aggettivi qualificativi al soggetto

    RispondiElimina
  5. http://firenze.repubblica.it/dettaglio/berlusconi-contro-la-condanna-di-impregilo-la-magistratura-e-una-metastasi-un-moloch/1609124

    RispondiElimina
  6. A dimostrazione che è meglio non affidarsi ai giornali che pur di fare titoli ad effetto sintetizzano le frasi, credo sia più probabile questa versione:
    "c'è una magistratura che è una metastasi" contro la quale "bisogna reagire perchè non è possibile che certa gente applichi la legge come un moloch solo per colpire".
    Sembra che le citazioni che iniziano per "la magistratura" siano minori di quelle che continuano il discorso con "c'è una"
    per esempio da qui:
    http://www.asca.it/news-GIUSTIZIA__BERLUSCONI__C_E__MAGISTRATURA_METASTASI__OCCORRE_REAGIRE-817761-ORA-.html
    Peccato che non si trovi il video per capire definitivamente se sia l'ASCA e altri siti a fornire versioni modificate o se sia Repubblica.
    Comunque è chiaro che per lui la magistratura di Firenze è una metastasi per aver condannato l'Impregilo che era stata assolta da quella di Bologna, sarà una metastasi localizzata :-)
    Emanuele

    RispondiElimina
  7. vorrei capire che analogia c'è tra i due eventi oltre al fatto che appartengono entrambi alla razza umana; a differenza di anteo zamboni, tartaglia non è stato toccato; a differenza del duce, berlusconi non ha mai fatto male a nessuno nonostante gli innumerevoli attacchi,forse xkè a differenza del duce condivide il principio democratico. Ma tralasciando ciò, mi spieghi con che coraggio giustifichi questo gesto dicendo che è stato compiuto in momento di rabbia?!?! non si tratta di perbenismo, quello che ci porta a condannare questo gesto è il senso di civiltà e di democrazia che si ha dentro. Sono contento dell'estinzione del fascismo ma stò aspettando ancora quella del comunismo i cui crimini non sono certo inferiori e che continuano in molte parti del mondo.

    RispondiElimina
  8. sorvolo sui giudizi sull'operato istituzionale di Silvio Berlusconi, non sarebbe pertinente.
    non giustifico un atto dettato dalla rabbia, posso capire però da dove sia nata quella rabbia.
    la cosa che mi scandalizza è tutto questo inneggiare al buonismo bipartisan quando la gravità (e le conseguenze che deve pagare un intero paese)non sono assolutamente paragonabili.
    Dove erano tutti questi pacifisti quando c'era da alzarsi in piedi e protestare a seguito di gravissimi atti di razzismo e istigazione alla violenza che la nostra classe politica (da destra a sinistra) hanno, se non proprio messo in atto, quantomeno supportato con il silenzio?

    questa è l'ipocrisia che mi scandalizza

    RispondiElimina
  9. Ma quali analogie? Berlusconi è stato ferito e vista la pesantezza dell'oggetto nochè la forza con cui ha colpito la faccia del premier i rischi che si potessero avere conseguenze gravi sarebbero state altissime. E in quelle condizioni non c'era controllo alcuno sull'esito.

    E poi se avessero voluto utilizzare l'avvenimento come scusa per fare tutto ciò usavano un malato di mente e un souvenir tirato a mano??

    mamma mia, non è che ora qualcuno dirà pure che la strage di 40 anni fa è stata un autoattentato delle stesse vittime che erano stufe di vivere??

    Siete un pò ridicoli. Un malato di mente con un modellino in scala per sovvertire la costituzione! Sicuramente ora voteranno tutti una legge ad hoc; non credo sia difficile far passare per terrorista al soldo dell'opposizione questo 42enne demente e in cura da 12 anni!!

    Se non l'avessi letto personalmente non ci avrei creduto

    RispondiElimina
  10. anonimo,
    credo che il semplice fatto di nasconderti dietro un "anonimo schermo di pc" sia già sintomatico del tuo atteggiamento...
    di democratico nel coso che sta facendo il premier ultimamente c'è veramente poco e quel poco è l'aver ridotto a essere pre-lobotomizzazione sia i suoi fedeli e accaniti tifosi (e non usco tifosi a caso...) sia quelli che stanno all'opposizione...
    io mi chiamo stefano

    RispondiElimina
  11. Non ho detto il mio nome... e cosa c'entra col discorso?

    Non ti piace la democrazia in Italia.. bene e cosa c'entra col discorso del presunto "attentato" magistralmente organizzato con un demente e un modellino del duomo??

    Stefano, mmmh, bene ora si che sei perfettamente identificabile.

    Ciao Stefano, io sono solo anonimo, non come te!

    RispondiElimina
  12. a me la democrazia in Italia piace molto e non vorrei che si attentasse in continuazione a Lei e alla nostra Carta Costituzionale

    RispondiElimina
  13. tu invece sei uno come tanti in italia, di quelli che professano di essere democratici e che invece la vedono solo per quel che gli fa comodo la democrazia...
    hai mai sentito parlare della strategia della tensione? delle bombe di stato??? probabilmente no, visto che molto probabilmente vivi in una specie di bolla in cui tutto è bello, la crisi non esiste, bisogna essere ottimisti ecc ecc ecc
    beh, questo è un paese che non si è fatto mai remore nell'usare metodi a dir poco eterodossi per ottenere (di volta in volta) pace sociale o tensioni emergenti...
    credo che il post in questione volesse sottolineare questo...se non lo capisci o non ne sai niente non ti preoccupare...alle prossime elezioni (ri)vota pdl...

    RispondiElimina
  14. e lo farebbero con uno psicolabile radiocomandato, secondo te?

    RispondiElimina
  15. gente che ha fatto soldi a palate scalando cadaveri,secondo te si farebbero scrupoli???

    RispondiElimina
  16. La mia domanda non era per te, comunque manco capisci quello che dico. Ma quali scrupoli??? Secondo te si può architettare un attentato in questo modo scanchinato??? Mamma mia come sei veloce a capire!

    E poi, caro Stefano, che così non sei per niente anonimo... le tue sono balle belle e buone di chi non riesce a vivere nella difficoltà politiche e sociali che i tempi moderni offrono come prezzo ad una migliore condizione di vita in generale. Non sai e sopratutto non vuoi lottare e quindi ti nascondi, tu si, dietro il solito complottismo che vede la discfatta sociale dietro alle mani forti di politici e finanzieri.

    Esci dal guscio e prova a guardarti intorno.. e smettetela con la solita manfrina del vota pdl qui e vota pdl là. Io non ho mai votato berlusconi e nemmeno mi piace la sua entourage ma di certo, viste premesse, argomentazioni e pochezza morale dei suoi avversare, ne dovrà passare di tempo prima che metta una croce su qualche partito di sinistra. E, tanto per la cronca, non è che l'hanno votato 4 gatti alle ultime elezioni, quindi prova a ragionare ogni tanto

    RispondiElimina
  17. tu non stai bene...l'ha votato nemmeno un terzo degli aventi diritto e non tutti gli italiani come dice lui...non voto pd, nè pdl e mi definisco apartitico in quanto definirmi anarchico sarebbe insozzare la memoria di chi anarchico lo è stato sul serio e ha pagato con la pelle...
    a parte che non capisco bene il tuo italiano, però è il senso che mi sfugge...non va bene la dietrologia e ok...non va bene pensarla diversamente, e qui mi vengono dei dubbi..però bisogna essere al passo coi tempi e "lottare" nelle difficoltà...e qui mi perdo...
    forse sei troppo intelligente e profondo per noi...
    qui s'è semplicemente fatto un parallelo con fatti della nostra storia recente che evidenziano ancora lo schifo di questo paese di merda...

    RispondiElimina
  18. Se io non sto bene tu sei completamente fuori di testa. Rileggi l'articolo per intero e non rigirare la frittata.

    Poi ho detto che non sono stati 4 gatti a votarlo; quello che ha detto lui non me ne frega niente, lo tiri in ballo per quale motivo? Stai discutendo con lui o con me?

    Poi guarda, sul troppo intelligente e profondo per voi non è il caso di farci una battuta, sai! Sopra ho postato una riga adottando un sarcasmo tanto di bassa lega quanto evidente: un ubriaco e ignorante come me lo avrebbe capito al volo, tu no.

    Ergo.. ti saluto, vado a perdere temp oda un'altra parte.

    Auguri per le tue dietrologie, Stefano per nulla anonimo

    RispondiElimina
  19. Auguri per il tuo didietro, anonimo...quando farà male e piangerai magari ripenserai alle tue perdite di tempo...

    RispondiElimina
  20. E chi siete qui a ciarlare?

    Di pietro e la Bindi? Se no allora i loro cloni!!

    RispondiElimina
  21. La tua è un'analisi dettata dall'odio e dal risentimento. E' in atto una campagna d'odio contro Berlusconi.

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget