06/12/09





SALVATORE BORSELLINO EMOZIONA LA PIAZZA AL NO B DAY




E' quasi impossibile riuscire a descrivere le emozioni che è capace di suscitare Salvatore Borsellino, il fratello di Paolo il giudice ucciso dalla mafia.
Non a caso è stato durante il suo intervento che la piazza, più che negli altri momenti, ha partecipato commossa.
Sono sicura che Paolo sarebbe orgoglioso nel vedere con che determinazione, forza, ma anche con che ostinato amore Salvatore difende non solo la memoria del fratello e quella degli uomini della sua scorta, ma anche in che modo esemplare tiene alti i valori che Paolo Borsellino e il collega Giovanni Falcone hanno onorato fino ad arrivare a pagare con la morte: fedeltà all'alto concetto di Giustizia.
Giustizia, ecco cosa reclama con tutte le sue forze Salvatore; giustizia per lui, la sua famiglia, per il fratello e per tutti quelli che credono che un mondo più giusto sia possibile.

Il 5 dicembre tantissime persone hanno potuto ascoltare l'accorato urlo che Salvatore lancia con l'inseparabile agenda rossa tra le mani, RESISTENZA.
Borsellino esorta a resistere e continuare a pretendere Giustizia non per lui ma per l'intero paese, una Giustizia che si scrive solo con la lettera maiuscola.
“Il vero vilipendio è che persone come Schifani e Berlusconi occupino le istituzioni. Schifani non vuole chiarire i rapporti avuti con la mafia nel suo studio professionale. Oggi finalmente alcuni collaboratori di giustizia raccontano la verità su come Berlusconi è andato al potere, su come hanno sostenuto il suo partito. A me delle escort e del processo Mills non mi importa nulla. Io sono qui perché la mafia esca fuori dallo stato e dalle istituzioni, e io sono qui per difendere il diritto di Berlusconi, per difendere il suo diritto ad essere processato, così potrà dissipare i dubbi che lo riguardano. Come si può accettare un presidente del consiglio il cui partito è sorto con i capitali della criminalità organizzata, la quale ora lo ricatta. Non dobbiamo permetterlo, dobbiamo essere noi a cacciarlo. La criminalità lo ha messo lì e ora lo vuole cacciare perché non ha rispettato i patti. Succede a lui quello che è accaduto a Salvatore Lima. Non è Mangano l'eroe, Mangano è il loro eroe, i nostri eroi sono i ragazzi della scorta morti con Paolo.
Infine parlando dei giudici oggi impegnati in prima linea contro la mafia ha affermato che sarà la gente a proteggerli, la gente non li farà uccidere, gli faranno da scorta a loro.


[[SALVATORE SUL PALCO]]





[[INTERVISTA DIETRO LE QUINTE]]







ALTRE INTERVISTE FATTE AL NO B DAY:

Il regista Mario Monicelli davanti la piazza afferma: “Siamo qui per questo, per mandare a casa Berlusconi. Ma non solo lui, anche tutti quei vecchi arnesi della politica voltagabbana e corruttori. Dobbiamo cacciare via i politici cattivi”. Scendendo dal palco:

UNA BATTUTA CON IL REGISTA MONICELLI from susanna ambivero on Vimeo.


L'attore Ascanio Celestini sul palco recita un suo passo "Io sono un industriale di merda, produco merda e distribuisco merda…" Dietro le quinte afferma:

NO B DAY: intervista ad Ascanio Celestini from susanna ambivero on Vimeo.


Appena atterrato a Roma, prima dell'inizio della manifestazione, Di Pietro rilascia un intervista:

NO B DAY: INTERVISTA AD ANTONIO DI PIETRO from susanna ambivero on Vimeo.


Durante il corteo c'era anche un sorridente Vauro



Il premio nobel Dario Fo con la moglie Franca Rame:



PIERO Ricca commenta il NO B DAY e propone il NO D DAY!!













Wikio




vota questo posting su OKNOtizie
Il Bloggatore
Add to Technorati Favorites



13 commenti:

  1. ""Oggi finalmente alcuni collaboratori di giustizia raccontano la verità..""

    magari gli stessi che hanno ucciso 41 persone, bambini compresi e che in alcuni casi, così come fumarsi una sigaretta, hanno sciolto qualche corpo nell'acido?

    Si, in effetti, dopo che si beccano l'ergastolo e rischiano l'isolamento, che si convertono, trovano Dio e cominciano a parlare dietro promesse di una vita più facile in carcere o magari fuori, posso dire con assoluta tranquillità che diventano imemdiatamente affidabili!!

    Anzi, una volta risolta la cosa io li metterei pure a capo della presidenza del consiglio, visto che sembrano più affidabili degli attuali ministri.

    Magari è questo che volete??

    Contro il governo sempre e comunque, favoriamo pure i mafiosi affidabilissimi. Ah no, è in nome della giustizia, è vero, evviva la mafia pentita!

    Saluti

    RispondiElimina
  2. una brava persona non ti racconterà mai nulla della struttura della mafia, per un semplice motivo ... non lo sa!
    Sono i malviventi a saperlo e a poterlo dire. Cancelliamo i pentiti e torneremo al pre Falcone quando anche i politici affermavano che la mafia non esisteva.

    Non si crede ad un pentito per la sua brutta faccia, lo si ascolta e si verificano le informazioni, seriamente e non mettendo la testa sotto la sabbia o tappandosi le orecchie.

    Mi spiace per il brusco risveglio ma la realtà è questa

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace constatare invece che di risveglio, al momento, non se ne parli nemmeno. Se si vuole parlare lo si fa indipendentemente da quanto ti promettono: è questo il pentimento sincero, non la contropartita per uno stipendio mensile ed una casda in america sotto falso nome e con la famiglia protetta a spese nostre!! O per un migliore alloggiamento per qualche anno e poi via, di nuovo libero in località segrete. Mi sembra da sempre sia una prassi scorretta nei confronti della società!

    Preferirei affidarmi ad un sensitivo che credere a un pentito. Sarà mica che ultimamente sempre più capi e capetti vengono arrestati e quindi il governo dà un pò fastidio anche alla mafia, oltre che alla sinistra e compagnia bella?

    Sveglia si, ma in compagnia, però!


    Saluti

    RispondiElimina
  4. Domiciliato a Corleone per caso ???
    perchè proteggi la categoria mica male !!
    ;)

    RispondiElimina
  5. Strano, stavo pensando di te la stessa cosa!!

    Domiciliati a casa tua i pentiti?

    RispondiElimina
  6. no, ma potrei dare un passaggio ad un pentito che va a costituirsi alla polizia, mai ad un mafioso

    RispondiElimina
  7. Nessun dubbio. E visto altre cose che hai scritto ho anche in mente chi salveresti tra un poliziotto ed un mafioso "pentito"

    A proposito:

    1) intendi dire che un pentito non è più mafioso per scadenza dei termini della mafia, o per raggiunto numero di omicidi o cos'altro?

    2)Mi faresti il nome di qualche mafioso che si è pentito costituendosi e il nome invece di un mafioso pentitosi dopo la sentenza di colpevolezza?

    Così, giusto per capire quanti passaggi riuscirai a dare in vita tua

    Saluti

    RispondiElimina
  8. Ah scusa se ora mancherò per un pò, vado a mangiare e a vedere il tg.
    Si sa mai che c'è traffico alle questure per le numerose auto che stanno accodandosi portando mafiosi in via di pentimento

    Ciao Buon appetito

    PS: ho come l'impressione che troverò tutto cancellato, mah, sai, esperienza!

    RispondiElimina
  9. il giorno che verrai minacciata da camorristi come è successo a me ne riparliamo, ma mi sa tanto che i camorristi fanno festa quando incontrano persone come te

    RispondiElimina
  10. 20 settembre 2002- si costituisce Giovanni Sansone
    30 gennaio 2004 – si costituisce Dimitri de Stefano
    28 giugno 2007 - si costituisce Pasquale Zagaria
    4 Agosto 2009 - si è costituito a Milano Vincenzo Facchineri
    e si potrebbe continuare, ma qualcosa mi dice che con te è tempo perso

    p.s. Morte a tutte le mafie

    RispondiElimina
  11. Curioso sapere che il buon Spatuzza era tenuto, per termini di legge, a fornire le dichiarazioni che si è "sentito" di dare ora, entro e non oltre il 23/12/2008 (per legge!!), cosa che ha infine rifiutato di fare per sua volontà. Invece, toh, dopo 1 anno di campagna diffamatoria contro il governo, eccolo che ci ripensa e torna a parlare, alla grande, dei rapporti presunti di Berlusconi con la mafia.

    Non capisco invece ciò che dici:

    la mafia dovrebbe essere contenta di incontrare me? Non saprei, io non ho mai avuto contatti con loro, dimmelo tu invece che a quanto dici ne hai avuti.

    Curioso anche questo: con me la mafia è contenta eppure io dall'inizio ti dico che sono contro i mafiosi (pentiti o meno sempre mafiosi sono, a meno che tu riesca a risuscitare le centinaia di morti ammazzati e cancellarne le conseguenze, fisiche e morali) e tu simpatizzi per loro; io sostengo, in questo ambito almeno, un governo che da mesi arresta a dx e sx capi e capetti mafiosi e tu lo vorresti invece buttare giù... siamo sicuri che la mafia sarebbe contenta ad incontrare me?

    Saluti

    RispondiElimina
  12. Salve Susanna,
    avevo già scritto precedentemente.
    Con un filo di vena polemica, volevo suggerirti, visto che mi pare di aver letto qualcosa tra gli articoli passati, di un omicidio di 'ndrangheta che ha un elemento particolare (ma che non è succoso per l'opinione pubblica italiana): 'ndranghetisti sono solo i sicari, visto che l'ucciso (raggiunto da 10 proiettili, più il canonico colpo di grazia alla testa) era poco più di un ragazzino di 18 anni. La sua foto la trovi sul mio blog.
    La sua unica colpa è stata quella di essere figlio di Pasquale Inzitari, tale ex esponente dell'UDC Calabrese, finanche candidato al Senato, e ora agli arresti domiciliari dopo la condanna nel processo Saline. Probabilmente, con le sue dichiarazioni permise l'arresto del boss Teodoro Crea. La chiamano vendetta trasversale, in gergo "tecnico".

    Non ho molto altro da dire, la vicenda mi ha distrutto anche se non conoscevo il ragazzo.

    RispondiElimina
  13. ragazzi, ho inserito anche il video dell'intervento di Borsellino sul palco..

    da vedere assolutamente! sentite le urla mentre Salvatore parla ed emozionatevi :-)))))

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget