21/03/10

SPECIALE ELEZIONI: VENETO

Per succedere a Giancarlo Galan (PDL) come presidente della regione, si presentano:

Antonio De Poli
Deputato UDC alla camera , portavoce nazionale per il partito. Ultimamente è rientrato in quella che viene definita “la lista della vergogna” cioè l'elenco dei deputati che, con la loro assenza, hanno reso possibile che il decreto salva liste passasse alla Camera. Si dice favorevole alla TAV.
Sostenuto da UDC, ALLEANZA PER L'ITALIA, UNIONE NORD EST, INTESA VENETA, LIGA VENETA
Listino collegato:
  • Massimo Calearo Deputato alla camera fuoriuscito dal PD ora indipendente (Alleanza per l'Italia)
  • Onorio De Boni Amministratore provinciale di Vicenza per l'UDC, assegnato al dipartimento territorio, capogruppo UDC regione Veneto
  • Chiara Brazzo consigliere comunale di Candiana (PD) per il centro-destra
  • Alfio Capizzi ex FI ora UDC
  • Marco Bovo esponente dell'Udc veronese
  • Graziano Bortolato consigliere provincia di Treviso per l'UDC
  • Matteo Beghin assessore UDC al comune di Santa Giustina in Colle (PD)
  • Massimo Pecori consigliere comunale, capogruppo dell'UDC di Vicenza
  • Carlo Casagrande
  • Adino Rossi
  • Federico Perin membro della Direzione Nazionale della Rosa Bianca
Posizione su temi d'interesse 
PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI
No alla privatizzazione dell’acqua: si all’ingresso dei consumatori organizzati nelle società di gestione delle reti idriche. La Regione favorisca ogni negoziazione con i gestori dei servizi pubblici, utili a ridurre la spese delle famiglie per energia elettrica, gas e acqua.

CRIMINALITÀ
No a provvedimenti spot, certezza della pena per chi delinque: sì al rispetto delle regole imposto a tutti, si ad ogni azione che sostenga il lavoro delle Forze dell’Ordine.
Nessuna indulgenza per chi delinque, maggiore integrazione per i lavoratori extracomunitari in regola; diritti e doveri verso il patto per la cittadinanza, che coniughi il rispetto per le regole di convivenza civile e religiosa.
Incentivare le aggregazioni delle polizie locali per migliorare la sinergia tra territori comunali.
Promuovere conferenze permanenti sulla sicurezza coordinate dai Prefetti.
Attuare il servizio civile regionale sul modello della protezione civile per funzioni di prevenzione, assistenza e controllo del territorio.
Assegnare risorse per la videosorveglianza integrata con le forze dell’ordine.

SANITÀ
Maggiore rapporto tra cittadino e sistema sanitario significa migliorare la qualità della vita. Mettere il cittadino al centro delle cure primarie h 24: organizzare la rete delle Medicine Generali, dei medici di Base e famiglie con i volontari. Adottare il nuovo piano socio-sanitario regionale favorendo il sistema dei centri regionali di eccellenza e garantendo una rete ospedaliera omogenea sul territorio, a sostegno dell’integrazione socio-sanitaria con attenzione alla domiciliarità e alle politiche alla persona. Attivare degli “ospedali di comunità” per una dimissione graduale e protetta. Qualificare la rete e i servizi extra ospedalieri specializzati per categorie di patologie (Alzheimer, disagio psichico, stati semi vegetativi…). Lista d’attesa: dare soluzioni ai ritardi attraverso una migliore organizzazione del personale, responsabilizzando i medici di base e rafforzando il convenzionamento con le strutture territoriali accreditate. Nuove norme per le nomine delle direzioni strategiche delle Az. ULSS. Potenziare le campagne di prevenzione e di formazione sanitaria. Costituire l’azienda unitaria dei servizi alla persona.

LA FAMIGLIA
Detrazione fiscali ai nuclei numerosi, sostegno alla genitorialità e alla natalità.
Minori: promozione di strutture e reti di protezione e tutela per l’infanzia e l’adolescenza, sostegno all’affido e all’adozione.
Disabili: strumenti completi di inclusione nella programmazione socio-sanitaria sia per l’inserimento scolastico e lavorativo sia per il “dopo di noi”, sia per la vita indipendente.
Anziani: una risorsa preziosa per la nostra società; potenziare la residenzialità e la domiciliarità; attuare il fondo per la non autosufficienza.
Giovani: ridare ruolo al protagonismo giovanile; sostenere i prestiti per l’autonomia.
Scuola e formazione: gestione a livello regionale con maggiore integrazione tra istituzioni scolastiche e territorio; sostegno alla scuola paritaria e alle famiglie; incentivare percorsi universitari che si integrino con il mondo del lavoro e con le nuove tecnologie.
Sport: promozione di interventi mirati all’aumento degli impianti sportivi di massa e al sostegno della pratica sportiva tra i giovani e gli anziani.
Casa: incentivi per l’edilizia sociale a favore di giovani coppie, nuove famiglie e fasce deboli.



Borrelli David
Consigliere comunale a Treviso dal 2008, sostenuto dal MOVIMENTO 5 STELLE vicino a Beppe Grillo. Tutti i candidati sono tenuti a non avere condanne in sede penale, anche non definitive.
Listino collegato:
  • Serena Giuliato
  • Sergio Gallo
  • Marco Peruzzo
  • Giovanni Endrizzi
  • Giuseppe Dal Passo
  • Silvia Moretto
  • Cristina Zanellato
  • Caniato Laura Treu
  • Andrea Sartori
  • Thomas Miorin
  • Simone Scarabel
Non ha dimostrato interesse nel rispondere al nostro questionario su temi di interesse pubblico.



Gianluca Panto
Sostenuto dal PARTITO NASIONAL VENETO
Listino collegato:
  • Gianluca Busato promotore del referendum per l’indipendenza del Veneto, cofondatore del Partito Nasional Veneto
  • Lodovico Pizzati economista
  • Alessia Bellon
  • Rosanna Cardin
  • Claudio Ghiotto cofondatore del Partito Nasional Veneto
  • Francesco Minetto
  • Luca Schenato
  • Marika Schiavon
  • Sabrina Tessari
  • Stefano Venturato cofondatore del Partito Nasional Veneto
  • Riccardo Zanconato
Posizione su temi d'interesse 
PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI
La nostra posizione è quella di un Veneto Stato indipendente in cui l'iniziativa privata sia il vero motore dello sviluppo del Veneto.Con la legge approvata infatti si permette di privatizzare la distribuzione dell'acqua, partendo da un monopolio generalmente governato dalle amministrazioni locali, che in fondo sono proprie dei cittadini. Questo da una parte rappresenta un furto legalizzato di una proprietà per azioni dei cittadini (nel senso che ogni cittadino è titolare di una quota delle infrastrutture, visto che sono state create sul territorio di proprietà comunale, ovvero dei cittadini, e con danaro dei cittadini); e dall'altra lo cede a società private che, non essendoci altre tubature, continueranno ad operare in regime di monopolio. Questa è semplicemente una truffa. Le sorgenti d'acqua non sono di proprietà di nessuno. La sorgente d'acqua è una risorsa naturale che appartiene a noi, tutti quindi dovrebbero avere il diritto di approvvigionarsi da una fonte d'acqua, garantendo altresì che tale approvvigionamento non sia accaparrato a danno di altri. La liberalizzazione dovrebbe consistere nella possibilità che al fianco del monopolio cittadino si possano creare distribuzioni alternative liberamente realizzate dall'iniziativa privata, e per tanto risulti possibile accedere liberamente alle fonti senza creare danno e accaparramento rispetto le concorrenti.

CRIMINALITÀ, SANITÀ, FAMIGLIA
Noi non ci sentiamo italiani e promuoviamo la riscossa dei veneti con un referendum per l'autodeterminazione.
Per le politiche di garanzia di difesa dei cittadini, unico vero scopo che dovrebbe avere un governo, come pure per la sanità, e le famiglie, già potendo disporre delle NOSTRE tasse potremmo fare moltissimo, ed in più ridurre la pressione fiscale. Il governo italiano ci deruba annualmente di circa 20 miliardi di euro, per sua stessa ammissione, oltre ad addebitarci costi per 34 miliardi in modo del tutto arbitrario e con metodi discutibili. Ebbene, in una proiezione fatta dal professor Pizzati per il programma economico del pnv (lo trova sul nostro blog), risulta che pur considerando l'attuale inefficienza del governo veneto con i suoi costi esagerati, si avrebbe la possibilità di ridurre le imposte con una tassa unica al 20% sui redditi, abolire tutti i bolli e gli altri balzelli vari, e dare spazio alla riduzione dell'IVA.



Giuseppe Bortolussi
Ex direttore del sindacato CGIA di Mestre, assessore al comune di Venezia. Viene sostenuto da PD, IDV, FEDERAZIONE DELLA SINISTRA. SEL
Listino collegato:
  • Stefania Moresco
  • Filippo Silvestri segretario dei Giovani Democratici Veneti
  • Marco Benozzi
  • Sebastiano Rizzardi consigliere comunale e segretario del Pd di San Giorgio in Bosco (PD)
  • Michele Cisco assessore del Comune di Dueville (VI)
  • Barbara De Nardi coordinatrice del circolo Pd di Vittorio Veneto (TV)
  • Chiara Tullio assessore alla cultura e politiche giovanili del Comune di Roncade (TV)
  • Giulia Camporese
  • Elena Campedelli coordinatrice Pd del circolo di Mozzecane (VR)
  • Elena Spolaore
  • Luca Dell’Osta membro dell’esecutivo regionale dei Giovani Democratici
Non ha dimostrato interesse nel rispondere al nostro questionario su temi di interesse pubblico.



Luca Zaia
Attuale Ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali, viene sostenuto da PDL, LEGA NORD, ALLEANZA DI CENTRO, DC,VENETO PER IL PARTITO POPOLARE EUROPEO
Listino collegato:
  • Marino Zorzato deputato alla Camera e vicecoordinatore veneto del Pdl
  • Piergiorgio Cortelazzo capogruppo AN in Consiglio Regionale
  • Bruno Cappon , considerato il delfino di Flavio Tosi, sindaco leghista di Verona
  • Mauro Mainardi coordinatore provinciale Pdl
  • Nereo Laroni ex europarlamentare PSI
  • Giovanni Frasca
  • Carla Gottardo presidente delle Donne padane
  • Regina Bertipaglia consigliera regionale FI
  • Roberto Lazzarin consigliere comunale di Spinea (VE)
  • Gianpaolo Bizzotto Consigliere Comunale di Bassano del Grappa(VI) per il PdL
  • Antonello Contiero segretario provinciale leghista
Non ha dimostrato interesse nel rispondere al nostro questionario su temi di interesse pubblico.




Paolo Caratossidis
Dal 2000 coordinatore nazionale di F.N., viene sostenuto da FORZA NUOVA
Listino collegato:
  • Francesco Basile
  • Giovanni Baschieri
  • Emanuele Campolonghi
  • Francesco Carrano
  • Luca Dotto
  • Massimo Girotto
  • Andrea Minchio
  • Francesco Pirrelli
  • Luca Previati
  • Damiano Signorelli
  • Davide Zanchetta
Posizione su temi d'interesse 
PRIVATIZZAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI
Fermamente contrario alla privatizzazione dei servizi pubblici. Sono previsti rincari anche del 30 e 40% , è inammissibile che i cittadini finiscano con il pagare non solo il costo dell’acqua ma anche il profitto dell’azienda idrica privata. L’acqua è di tutti, e la sola ipotesi che multinazionali possano trattarla come strumento di speculazione fa rabbrividire

CRIMINALITÀ
Denunciamo unanimemente il fallimento delle politiche securitarie del Pdl e della Lega Nord. Forza Nuova osserva in particolare la crescita del potere delle mafie anche al nord e l’intreccio tra criminalità ed immigrazione alla faccia dei tanto sbandierati presunti successi del Ministero dell’Interno contro le mafie. Nella nostra regione la criminalità è fortemente legata al fenomeno migratorio, oltreché alla crescente povertà dei cittadini. Combattere la criminalità significa innanzitutto restituire a molti italiani la possibilità di non dover rubare per poter mangiare. Per quanto riguarda la criminalità legata all’immigrazione, tra i primi compiti della Regione in caso di nostra elezione vi sarà quello di attivare un sistema di monitoraggio sulla situazione della macro e della microcriminalità in grado poi di coordinare gli interventi nelle loro varie specificità. A questo proposito appare chiara la necessità di una forte azione preventiva: occorre infatti un controllo totale del territorio ed espulsione reale dei clandestini e, come prima urgentissima misura, lo smantellamento dei campi nomadi autentiche basi operative della criminalità.”

SANITÀ
Come prima misura proponiamo l’abolizione dei ticket sanitari che i cittadini veneti devono pagare e che finiscono col gravare pesantemente sulle spalle degli appartenenti alle fasce sociali più deboli, proprio di chi dovrebbe ricevere dal servizio pubblico un sostegno maggiore

LA FAMIGLIA
la famiglia è il primario soggetto sociale, costituisce la spina dorsale della Comunità. Affinché possa veramente svolgere questa funzione, il sostegno deve essere effettivo e non si può limitare a qualche dichiarazione d’intenti o ad inefficaci misure una tantum. Nell’acquisto della prima casa, ad esempio, le giovani coppie vanno aiutate con mutui estremamente agevolati che li sottraggano dal cappio di interessi soffocanti proposti dalle banche.



Silvano Polo
Ex sindaco di San Bonifacio (VR) oggi consigliere comunale per la Liga Veneta Repubblica. Sostenuto dal PARTITO DEI VENETO, I VENETI, PARTITO AUTONOMISTA BELLUNESE, MOVIMENTO STATO VENETO, MOVIMENTO COMUNISTA UNITÀ POPOLARE VENETA, DISSIDENTI DELLA LIGA
Listino collegato:
Ivano Carollo
Claudio Tandin
  • Lucio Perin
  • Monica Daniele
  • Elena Gabriella Bizoi
  • Davide Balpieri
  • Eraldo Barcaro
  • Vittorio Selmo
  • Francesco Bonotto
  • Alberto Gardin
  • Lidia Berlose
Non ha dimostrato interesse nel rispondere al nostro questionario su temi di interesse pubblico.






LE ALTRE REGIONI:
BASILICATA
CALABRIA
CAMPANIA
EMILIA ROMAGNA
LAZIO
LIGURIA
LOMBARDIA
MARCHE
PIEMONTE
PUGLIA
TOSCANA
UMBRIA







.

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget