10/01/10





I TRUCCHI DELLA FINANZIARIA 2010



Il testo della Finanziaria 2010, nella versione modificata alla camera il 16 dicembre, è molto diverso dal disegno di legge approvato il 13 novembre dal senato, non si tratta più di una finanziaria asciutta e funzionale come quella annunciata a metà anno dal Governo ma di una manovra molto più articolata.

Le nuove risorse reperite ammontano ad oltre 9 miliardi e mezzo di euro, rintracciati tra:
. fondi derivati dallo scudo fiscale
. Tfr dei lavoratori dipendenti del settore privato
. accordi intercorsi con la regione autonoma Trentino- Alto Adige
. la rideterminazione dei valori di acquisto dei terreni edificabili
. vendita di immobili di proprietà dello Stato
. fondo sociale per l'occupazione
. fondo per le aree sottoutilizzate
. fondo per il sostegno dell'economia reale
. fondo frodi per invalidità civile
. taglio ai comuni
. riduzione degli accrediti alle Agenzie

… che dire, un bel rastrellamento di fondi destinati ad altro.
Ma andiamo ad analizzare come alcuni di questi sacrifici verranno ottimizzati.

Una grossa fetta di finanziamento andrà al fondo sanitario nazionale, ovvio dopo il buco creato da politiche di spesa folli attuate come nel caso dell'acquisto di una ingente quantità di inutili e potenzialmente pericolosi vaccini contro l'influenza maiala, ops, suina. Questa scellerata scelta è già costata la testa dell'ex ministro del lavoro, salute, politiche sociali Maurizio Sacconi, guarda caso marito di una dirigente farmindustria, e la conseguente reistituzione di un ministero separato per la salute con alla guida Ferruccio Fazio.
Al ministero della guerra (n.d.r. ministero della difesa) vanno centinaia di milioni di euro in bonus, oltre il finanziamento già in essere. A proposito, ma non si era pensato di farlo diventare una s.p.a. per non gravare più sulle nostre tasche? In arrivo il il copyright per i marchi delle forze armate.
Alle scuole private vanno 130 milioni, alle scuole pubbliche l'estrema unzione.
Viene sospeso il pagamento dei tributi alle popolazioni terremotate dell'Aquila ma solo fino al giugno 2010, dopo di che le tasse riprenderanno e i tributi non versati andranno restituiti ratealmente (una bella cambialona di Stato insomma).
Viene data la possibilità ai mafiosi di riacquistare i beni a loro sequestrati con una pubblica asta in cui potranno rimettere in essere i loro metodi “persuasivi” per essere gli assegnatari.
Un po di soldini sono ovviamente riservati ai nostri poveri politici, l'unica categoria che negli ultimi anni ha visto crescere costantemente il suo reddito, con buona pace della meritocrazia.


.

3 commenti:

  1. Nel Parlamento italiano abbiamo oltre 200 indagati per reati vari.
    Cosa potevamo aspettarci di meglio?
    Bokassa

    RispondiElimina
  2. solo due parole: mafiosi paraculi!!!!

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget